Tasche vuote

Non ricordo più quando né come.

So solo che ero a spasso quando il mio gomitolo d’infinito si è impigliato in un cespuglio sporgente. Me lo sono portata dietro per un po’ fintanto che un passante, con un bussetto sulla spalla, mi ha fatto notare che quel filo rosso porpora mi stava seguendo con difficoltà.

E’ difficile perdere qualcosa che non sai più di portare con te, eppure succede.

E guardandoti indietro ti ritrovi a pensare se sia possibile riavvolgerlo esattamente come prima o se, ripercorsa la stessa strada, resterà un semplice gomitolo rotondo di lana rossa.

Ingarbugliato, infeltrito e sfilacciato.

Chissà se, a scriverlo con una replay, il presente diventerebbe più dolce o se cadremmo in una ossessiva cancellazione del passato, perdendo di vista il futuro.

Eppure l’infinito resta tale anche se ne escludiamo un po’.

Un filo, a riavvolgerlo, diventerà rotondo.

Un filo, lanciato in avanti, può allungarsi fino a toccare l’infinito.

 

Semplicemente me.

gomitolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...